Festa patronale: SAN BIAGIO

Il Vescovo Biagio tra storia e tradizione

Oggi 3 febbraio festeggiamo la festa patronale della nostra parrocchia di Galgiana dedicata a San Biagio vescovo martire. Sicuramente avrete sentito parlare della tradizione di mangiare il “panettone di San Biagio”, che dovrebbe essere quello avanzato durante le festività natalizie.

San Biagio lo si venera tanto in Oriente quanto in Occidente, e per la sua festa è diffuso il rito della “benedizione della gola”, fatta poggiandovi due candele incrociate oppure ungendo e facendo una croce con l'olio benedetto, sempre invocando la sua intercessione.

Dalla Chiesa viene festeggiato il 3 febbraio. Durante la celebrazione liturgica i sacerdoti benedicono le gole dei fedeli accostando ad esse due candele. Viene invocato contro i dolori e le malattie della gola (molto frequenti nel periodo nel quale viene festeggiato). E in questa giornata si cerca la sua intercessione mangiando panettone avanzato a Natale. Ecco perché:
Biagio nacque a Sebaste, in Armenia, sul finire del III secolo dopo Cristo. Studiò medicina e intraprese la professione di medico ma lo fecero vescovo, lui però non dimenticò mai la sua passione.
Un giorno una madre disperata si rivolse a lui perché suo figlio aveva mangiato del pesce, una lisca gli si era conficcata in gola e ora stava soffocando. Biagio prese un pezzo di pane e lo fece inghiottire al ragazzo. La mollica portò con sé la lisca e il bimbo riprese a respirare normalmente (metodo peraltro ottimo tuttora). Ma prima ...